gennaio 18, 2015

Flop e delusioni del 2014

Buon pomeriggio!
Oggi vi parlo brevemente di tutti i prodotti provati durante l'anno appena trascorso, ma che si sono rivelati delle delusioni. Alcuni non sono bocciati totalmente, ma comunque non hanno coinciso con le mie (grandi) aspettative.



Il primo prodotto che mi ha totalmente delusa (e gli dedicherò presto una recensione) è il Natural trio blush di Benecos in "Fall in love", un blush pescato che in realtà comprende anche un illuminante ed un color marroncino. Il motivo per il quale lo boccio è perché non scrive, nessuno dei tre colori (il pesca in realtà scrive un po' più degli altri), per cui ogni volta che lo uso devo prelevare non so quanto prodotto per far sì che si noti un minimo di colore. E' così sin da quando l'ho provato la prima volta e sono rimasta colpita (in negativo), dato che dalle recensioni che avevo letto, i pareri erano tutti positivi ed entusiasti.



Altro prodotto che mi ha delusa molto è lo scrub labbra goloso di Biofficina Toscana, perché, pur lasciandomi le labbra molto morbide, purtroppo non funge come scrub, infatti non riesce a togliermi le pellicine che perennemente alloggiano sulle mie labbra. Lo sto usando da qualche mese ogni sera, ma purtroppo il risultato non cambia (nonostante, tra l'altro, io usi chili di burrocacao e stia quindi attenta a tenere le labbra sempre idratate).



Un altro prodotto famoso di Biofficina Toscana che non ha soddisfatto le mie aspettative è il Balsamo concentrato attivo, che non si è rivelato sufficientemente idratante, districante ed anti-crespo per i miei capelli. Non è totalmente un flop, ma rispetto alle brillanti recensioni che avevo letto, non l'ho trovato poi così speciale.



Restando in tema capelli, totalmente bocciato lo shampoo anti forfora di Forsan, è stato uno dei primi che ho provato quando ho cambiato routine e ho abbandonato i siliconi. Non mi è piaciuto perché, anche diluendolo, non faceva schiuma e avevo la sensazione di scartavetrare il cuoio capelluto. Proprio per questo i capelli restavano aggrovigliati, pieni di nodi e non vi dico quanti ne ho persi nel tentativo di districarli.



Nell'ambito dei profumi, come sapete ultimamente ne ho provati molti low cost o di medio prezzo ed uno che secondo me non vale i 10 euro che costa è l'acqua profumata per il corpo all'Iris blu dei Colli Toscani di Perlier. Amo il deodorante, ma quest'acqua profumata invece non mi piace perché il profumo si sente pochissimo, bisogna usarne in grande quantità e la durata non è pari al deodorante stesso (che tra l'altro costa la metà). Motivi per i quali, appena l'avrò terminata non la riacquisterò più, né credo proverò le altre profumazioni, a meno che si sia uno sconto.



Un prodotto per il viso che mi ha totalmente delusa (e ho faticato a terminarlo) è la crema viso esfoliante di Athena's Purysens. Oltre a bruciarmi il viso ad ogni applicazione, era totalmente inutile perché non rimuoveva i punti neri, non restringeva i pori,la pelle non era né più levigata, né morbida o luminosa. In sostanza era come non utilizzarlo.



Sempre per il viso, non mi è piaciuta la maschera purificante di Marilou bio (anche di questa in settimana conto di pubblicare la recensione) perché trovo che non sia sufficientemente purificante per la mia pelle grassa ed acneica. Rispetto ad altre che ho provato, infatti, (ad esempio la Geomar o la Delidea) non rimuoveva efficacemente i punti neri, non levigava la pelle, non restringeva i pori. In generale, dopo l'uso, non notavo e non sentivo la pelle davvero pulita in profondità.

Bocciatissimo il latte detergente di Garnier della linea Bio Active: odore terribile, consistenza troppo scivolosa, non rimuoveva per nulla il trucco, anzi tendeva a trascinarlo da una parte all'altra del viso.

Altrettanto bocciata senza "se" e "ma" è la crema corpo all'aloe di Omia laboratoires, in quanto era troppo leggera e non idratava per nulla la mia pelle secca (tra l'altro l'ho usata in estate, quindi non oso immaginare cosa avrebbe fatto in inverno). Inoltre, nonostante l'aloe, non ho notato alcun effetto lenitivo sulle scottature o sul prurito.



Non mi è piaciuto assolutamente il Kiko False lashes concentrate volume top coat mascara, che sto faticando a terminare, perché secondo me è un comunissimo mascara nero che non apporta alcun cambiamento in termini di volume, se abbinato ad altri mascara.



Nutrivo aspettative sulla maxi eye pencil di Shaka n.13, un bel verde smeraldo. Purtroppo è un ombretto che va immediatamente nelle pieghe, nonostante la base sottostante. Ragion per cui, lo uso solo come eyeliner o sotto le ciglia inferiori.



Ultimo bocciato è un pennello di Wjcon n. 201 che avevo preso espressamente per il fondotinta liquido. Oltre a perdere peli, il principale difetto che ha è che non asciuga praticamente mai una volta lavatolo e non si riesce a togliere del tutto il fondotinta depositato alla base delle setole (col rischio ovviamente che microbi e quant'altro non siano debellati completamente). Inoltre lo trovo pessimo per la stesura dei prodotti liquidi, perché lascia fastidiose striature. Lo uso ogni tanto per i blush in polvere, ma non mi piace perché non riesce a sfumarli come si deve, avendo una sezione piccola e fitta di setole.

Mi sa che di sole cosmetiche ne ho prese molte durante il 2014, spero di essere più fortunata nel nuovo anno!


14 commenti:

  1. Concordo sullo scrub labbra di biofficina, sullo shampoo forsan e pure sul trio di benecos che fortunatamente non ho acquistato, ma che ho avuto modo di provare in una bioprofumeria. Il balsamo concentrato attivo invece a me è piaciuto tantissimo e fa parte dei prodotti "salva chioma", che ricomprerò all'infinito *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tra le tante fortunate che si è trovata bene con il balsamo :) Io ho acquistato da poco quello Arancio e Limone di Alkemilla, su cui nutro tante aspettative. Spero che almeno questo non mi deluda :D

      Elimina
  2. Il balsamo Biofficina ha pareri molto contrastanti, infatti non credo sia adatto ai miei capelli, credo che opterò per la maschera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maschera la proverò anch'io prima o poi. La ragazza della Bioprofumeria, tra la maschera di Biofficina ed il balsamo di Alkemilla, mi ha consigliato quest'ultimo.

      Elimina
  3. Un sacco di flop, mi dispiace.
    Per quanto riguarda lo scrub labbra, credo che sia eccessivo utilizzarlo ogni sera. Anche se i granuli sono zuccherosi possono comunque provocare delle microabrasioni che certamente bene non fanno. Le labbra son zona delicata e va trattata con più cautela che altrove. E se queste pellicine nascessero anche per una sorta di reazione a questo continuo scrubbare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo, perchè ho provato anche ad usarlo una volta a settimana e il problema era lo stesso. Le mie labbra hanno pellicine tutto l'anno e questo prodotto non le rimuove.

      Elimina
  4. Ciao!
    Condivido in pieno la delusione per quanto riguarda il trio blush di Benecos. Anche con me non scrive manco a pagarlo, e dopo un po' ci si stufa di prelevare continuamente prodotto per un minimo di colorito. Mai più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, un vero peccato!

      Elimina
  5. io con lo scrub di Biofficina toscana mi sto trovando molto bene, io ho quello agrumato ma penso che sia uguale a quello che hai tu. Mi sono segnata alcuni prodotti che volevo provare...magari prima provo altro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto soggettivo, comunque sì credo che alla fine le due tipologie si equivalgano.

      Elimina
  6. Mi dispiace tanto per tutti questi flop, cara! scommetto che le maschere omia sono migliori del balsamo biofficina? :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella alla macadamia sicuramente sì!

      Elimina
  7. Concordo con te per quanto riguarda il balsamo di Biofficina e il top coat di Kiko (pessimo e inutile)!

    RispondiElimina