luglio 17, 2015

,

Maschera all'argilla di Antos: parliamone

Buongiorno a tutti!
Questa non sarà una tradizionale recensione, ma il racconto di un'esperienza, purtroppo negativa, con la maschera all'argilla di Antos e con l'azienda.


Ho acquistato la maschera all'argilla di Antos a Gennaio di quest'anno, purtroppo non ricordo precisamente la data, ma entro la prima metà del mese e l'ho presa nella bioprofumeria Bio makeup shop di Catania. Non l'ho aperta subito, in quanto avevo altre maschere da terminare e così l'ho conservata in un cassetto della scrivania, all'asciutto e lontano da fonti di calore, come faccio con tutti i prodotti. Ho cominciato ad utilizzarla a Febbraio - Marzo e fin dai primi utilizzi, non mi ha entusiasmata. Ne avevo sentito parlare benissimo, come prodotto ottimo per i punti neri e le altre impurità del viso, ma in realtà sulla mia pelle non faceva nulla. 


La prima cosa che mi ha lasciata un po' perplessa è stata la formulazione granulosa, il prodotto presentava diversi granuli bianchi che trovavo poco piacevole spalmarmi sul viso. Da altre recensioni avevo letto e visto una consistenza diversa, ma essendo un prodotto naturale, ho pensato potesse essere normale questa diversità. 
Ma la ragione principale per cui la maschera non mi è piaciuta, prima di parlarvi del problema sorto in seguito, è che non mi rimuoveva i punti neri, non minimizzava i pori dilatati, non contribuiva a seccare i brufoli, non mi dava la sensazione che la pelle fosse pulita. Insomma, una maschera inutile. 


A causa di questa "delusione" l'ho lasciata chiusa nel cassetto per circa 15 giorni, dopo di che ho deciso di riprenderla in mano e smaltirla e nel frattempo siamo arrivati a Maggio. Appena la apro, noto che l'odore sta cambiando, è più pungente e fresco ed inoltre noto delle venature e delle pagliuzze fucsia in mezzo al prodotto. Sì, avete capito bene, fucsia. Da subito ho pensato che non fosse normale, che il prodotto stesse andando a male ben prima della sua scadenza. Ho chiesto un parere a diverse ragazze, alcune delle quali studiano biologia e materie simili ed hanno avanzato l'ipotesi di un qualche batterio. Mi hanno consigliato di attendere qualche tempo per vedere se queste venature si fossero espanse, confermando la tesi che il prodotto fosse contaminato e così ho fatto. In realtà,seppur in minima parte, questo é avvenuto ed anche l'odore ha continuato ad essere più pungente. 


Il 15 Maggio ho deciso di mandare un messaggio all'azienda tramite Facebook, allegando una foto del prodotto e chiedendo spiegazioni. Sono passati due mesi, ma non ho ricevuto alcuna risposta sul perché la maschera sia andata a male ben prima dei 6 mesi di scadenza. Da parte mia, credo di aver adottato tutti gli accorgimenti possibili per una buona conservazione del prodotto, che ovviamente non ho più utilizzato da quel giorno, perché effettivamente non so cosa gli sia capitato. Ero ben disposta a sentire dei consigli, il mio atteggiamento era di assoluto ascolto, ma evidentemente le opinioni negative o le problematiche dei clienti non sono la priorità dell'azienda. Sono molto delusa ed arrabbiata dall'essere stata ignorata da Antos su un problema potenzialmente pericoloso per la clientela che utilizza i loro prodotti. Forse all'azienda non interessa migliorarsi o forse le opinioni di una tizia qualunque contano ben poco. Fatto sta che dovrò comunque buttare il prodotto quasi integro e buttare i soldi spesi. Ed ovviamente non acquisterò più i prodotti in barattolo di questo brand, nonostante avessi preventivato il loro acquisto. Non dico che non acquisterò mai più nessun tipo di prodotto di Antos, ma sicuramente al momento le loro referenze hanno perso qualsiasi attrattiva per me. 



Sarei particolarmente interessata alla vostra esperienza, vi è mai capitato con quest'azienda di avere un problema di questo tipo? O con qualche altra azienda? Come vi siete comportate? 


14 commenti:

  1. Peccato che l'azienda non ti abbia risposto, ma sicuramente come già ti hanno detto le tue amiche è dovuto a un batterio. Sinceramente a me piace moltissimo antos come brand però a questo punto butta tutto e speriamo che la prossima volta sarai più fortunata. Il consiglio che mi sento di darti è di provare altri prodotti e dare un'altra chance a quest'azienda :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora come ora non è che ne abbia molta voglia. Se mi avessero risposto e spiegato l'accaduto, probabilmente sarei stata più disponibile a provare qualcos'altro...

      Elimina
  2. Mi dispiace per la brutta esperienza, è probabile che ti sia capitato un barattolo appartenente a un lotto che ha avuto qualche problema di produzione (o che forse è sfuggito ai controlli) >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche un'altra ragazza ha avuto la mia stessa esperienza...peccato!

      Elimina
  3. Mi dispiace molto per quest'esperienza. Che strano che non ti abbiano risposto, spero che sia una distrazione perché mi sembra un'azienda seria. Io ho provato solo un prodotto in barattolo e è andato tutto ok.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È questione di fortuna!

      Elimina
  4. Ricordo la foto con la venatura fucsia, effettivamente fa un po' impressione.
    Capita che un prodotto abbia una cattiva riuscita ma trovo scorretto che non ti abbiano risposto: questo avrebbero dovuto farlo, cercare un confronto, fornirti una spiegazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, sto anche pensando di riscrivergli o linkare questo post...

      Elimina
  5. Forse non hanno visto il messaggio. Prova a scrivergli un e-mail perché credo convenga anche a loro sapere che un lotto potrebbe avere dei problemi.

    RispondiElimina
  6. io avrei scritto al customer care, non via facebook, perché di solito è l'ufficio per le relazioni coi clienti che si occupa di queste cose e specie in un'azienda a conduzione praticamente familiare come Antos non è difficile perdersi messaggi.

    io pure ho quella maschera ma al momento è chiusa in un mobile perché ho altro in uso... in generale è un'azienda con cui mi son sempre trovata molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena rientro dalle vacanze gli scrivo lì e vediamo che mi dicono.

      Elimina
  7. Ricordavo questa foto, Fra, ma speravo ti avessero risposto. Come dice Misato, hai provato a contattare il servizio clienti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma ancora nessuna risposta!

      Elimina