aprile 05, 2016

Il make up più utilizzato del mese [Marzo 2016]

Buongiorno!

Oggi, come di consueto, vi parlo di tutti i prodotti di make up che ho utilizzato di più a Marzo. Sono riprese le lezioni e con esse anche la voglia (e la necessità, diciamolo chiaramente) di apparire presentabili in pubblico. Ho continuato ad utilizzare alcune cose che non vogliono proprio saperne di terminare, ne ho aperte delle altre acquistate tempo fa e fin ora rimaste chiuse.


Deborah Colour copy nude perfection, fondotinta fluido rinnovatore perfezione naturale in Fair rose: ormai la signora del banchetto al mercato,dalla quale acquisto spesso i fondotinta,non sa più cosa rifilarmi per la mia pelle cadaverica. Ogni fondo fin ora usato si è sempre rivelato troppo scuro e dunque stavolta la scelta è ricaduta su una tonalità n.0, ebbene sì. Sto utilizzando questo prodotto da un mesetto ormai e devo dire che il colore è il più azzeccato tra tutti quelli che ho provato, sebbene non sia esattamente perfetto per me. Tolta la questione colore, il resto non mi fa impazzire: è un prodotto dalla coprenza media, non sufficiente per le mie esigenze, e soprattutto evidenzia moltissimo eventuali pellicine. Io ho una pelle grassa, ma il freddo o le cure astringenti che spesso faccio, ogni tanto me la rendono mista, con zone secche sulla fronte ed ai lati della bocca. Questo fondotinta rende ancora più evidenti questi problemi, dall'altro lato però non mi fa lucidare eccessivamente, per cui risulta abbastanza asciutto sulla pelle. Si stende bene ed in modo uniforme. 
Tra l'altro mi ha fatto spuntare qualche imperfezione, ma non ho potuto verificare l'inci per vedere se c'è la solita glicerina tra le prime posizioni. Non è un fondotinta che vi consiglio particolarmente, per quanto mi riguarda la ricerca del prodotto perfetto continua.


New York Color Big bold angel lash mascara n.856 Extra black: a differenza del fratellino dalla confezione nera, che vi ho mostrato negli ultimi mesi, questo mascara dal packaging viola è decisamente più performante sulle mie ciglia. Ha uno scovolino in setole dalla forma particolare, a "otto" se vogliamo, con la punta leggermente più stretta rispetto alla base. Sulle mie ciglia, piatte e non particolarmente lunghe, regala soprattutto lunghezza e curvatura, poco volume. La formulazione dei mascara Nyc mi piace molto, perché non è né eccessivamente liquida, né grumosa e soprattutto non si seccano rapidamente come i mascara Essence. Ve ne parlerò meglio in una recensione dedicata, ma vi dico già che rientra tra i mascara da ricomprare e ve lo consiglio.


Essence eye blender blush: è uno degli ultimi acquisti, anche se in realtà risale già ad un paio di mesi fa e l'ho preso perché necessitavo di un pennello per sfumare gli ombretti, senza spendere molto. Non ho termini di paragone, in quanto è il primo pennello da sfumatura vero e proprio che possiedo, però posso dirvi che fa discretamente bene il suo lavoro e che le setole sono abbastanza morbide. 
Non mi convince al 100% solo perché la forma che le setole assumono quando lo uso, non permette di sfumare il colore come vorrei, è come se il pennello abbia una punta troppo lunga che non si "spalma" bene sulla palpebra, non so come spiegarvi.


p2 quick dry spray asciuga smalto rapido: finalmente ho potuto riacquistarlo, mi è piaciuto moltissimo e ve lo consiglio. E' un prodotto da spruzzare sulle unghie, rilascia una patina oleosa che però si asciuga dopo pochissimi secondi e non vi lascia le mani unte. Protegge l'unghia, aumenta un pochino la tenuta dello smalto e soprattutto lo fa asciugare in brevissimo tempo. Unica nota negativa l'odore non particolarmente gradevole. 


Kiko Long lasting stick eyeshadow n.31: quando arriva la primavera, non posso fare a meno di ritirare fuori questo bellissimo indaco opaco che uso prevalentemente come eyeliner ed ogni tanto come ombretto su tutta la palpebra. Senza primer si formano delle pieghe, soprattutto se le temperature sono elevate, ma con qualche accorgimento si utilizza senza problemi. Trovo che questa tonalità si sposi bene con il castano della mia iride ed in un certo senso rende la stessa quasi tridimensionale. I Long lasting di Kiko sono uno dei miei prodotti preferiti in assoluto, ormai lo sapete e prima o poi cederò a qualche altra colorazione. 


                                                                  

2 commenti:

  1. I colori dei fondotinta Deborah li ho sempre trovati strani, poco adattabili alle varie carnagioni. C'era un periodo che li vendevo e non sapevo mai quali consigliare, li consideravo tutti poco adatti. Spero sia cambiato qualcosa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo in questo momento se ne ho usati altri di questo brand, forse no, ma ti dirò che rispetto ad altri, è più azzeccato. Forse i Maybelline hanno tonalità migliori, anche se per carnagioni chiare è comunque difficile trovare colorazioni che non virino troppo al giallo o al rosa e non cambino nel corso delle ore.

      Elimina