maggio 21, 2017

,

Recensione - Omia laboratoires balsamo capelli con olio di semi di lino

Quando Omia ha lanciato sul mercato un balsamo in quattro varianti (semi di lino, argan, macadamia, aloe), non ho potuto fare a meno di volerne provare uno. Come sapete, ho provato nel tempo tutte le maschere di questo brand e mi sono innamorata di quella alla macadamia. Proprio per questo, puntavo molto sul balsamo della stessa linea, ma non sono riuscita a trovarlo. In realtà queste novità non sono ancora in circolazione nella mia zona, per cui è stato davvero un caso trovare la versione ai semi di lino, di cui vi parlo oggi. 


Il packaging del balsamo ai semi di lino ha la stessa semplicità che caratterizza tutto il brand: tubo in plastica morbida di colore bianco con tappo in plastica apri e chiudi, sicuramente più comodo delle maschere in barattolo. 

L'azienda indica questo prodotto per capelli sciupati, fragili e cuoio capelluto delicato. Tra gli ingredienti, oltre all'olio di semi di lino, troviamo estratto di calendula officinale e burro di karité. E' il classico balsamo a risciacquo che va tenuto in posa per qualche minuto e poi risciacquato. 
E' testato per nichel, cobalto e cromo ed è certificato Icea. 

PAO: 6 mesi
QUANTITA': 200 ml
REPERIBILITA': supermercati, Ovs
PREZZO: circa 3-4 euro

Ingredienti


Il balsamo capelli con olio di semi di lino ha la stessa profumazione della maschera e dell'olio della stessa linea: una leggerissima nota dolce su cui prevale nettamente l'odore dell'olio, che personalmente non mi fa impazzire quando si tratta di una maschera o di un balsamo, anche perché, pur essendo un prodotto a risciacquo, un minimo permane sui capelli. La consistenza è liquida, ma non eccessivamente e si riesce a dosarlo per bene attraverso il foro erogatore. 
L'ho usato sia come balsamo, che come impacco pre-shampoo, applicandone in dosi abbondanti sulle sole lunghezze, sia da solo, sia miscelato con un altro balsamo o un olio. 

Non mi perdo in chiacchiere e vi dico subito che questo prodotto non mi ha convinta e ad oggi non mi piace, perché ritengo sia inutile per i miei capelli. Ho delle lunghezze secche, che in alcuni periodi diventano ancor più sofferenti e sfibrate, nonostante cerchi di prendermene cura con costanza. Ho potuto provare questo balsamo in diverse condizioni, ma il risultato è stato negativo in ogni caso: inizialmente lo usavo quando i miei capelli non erano sottoposti a stress particolari, poi ne ho intensificato l'uso quando, per un periodo, ho messo in piega più spesso la chioma con piastra e phon caldo. Infine, l'ho usato anche dopo un recente taglio netto che ha portato via tutta la parte secca e danneggiata dei miei capelli. In tutti e tre i casi, applicare o meno il balsamo in questione non faceva particolare differenza. Intanto ho notato che ha poca-discreta azione districante, poi non ha alcuna azione ammorbidente, né disciplinante: i capelli restano tali e quali, al tatto crespi e secchi, annodati. 

Sto facendo davvero fatica a smaltirlo, infatti non è escluso che lo terminerò per lavare i pennelli. Speravo che sul capello sano, dopo il taglio, riuscisse ad aiutarmi, ma se anche in queste condizioni si dimostra insufficiente, evidentemente non è il prodotto per me. Non è riuscito a conquistarmi ed a questo punto non so se proverò le altre varianti: una riserva la faccio solo sul balsamo alla macadamia, perché sono curiosa di vedere che differenza ci sia con la maschera, ma per il resto non credo che mi spingerò oltre. 

In conclusione, non vi consiglio di provare questo prodotto, piuttosto puntate alle maschere, che secondo me hanno una marcia in più. Sarei curiosa di sapere se avete provato questi nuovi balsami e se avete opinioni concordi o meno rispetto alle mie. 

2 commenti:

  1. Mi spiace che questo balsamo non ti abbia convinto, a maggior ragione perché ci tenevi molto a provarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse é il primo prodotto del brand che mi ha delusa di più in assoluto. Con i balsami non sto avendo molta fortuna..

      Elimina