settembre 21, 2017

,

Recensione - Equilibra maschera nutriente al karité

Buongiorno a tutti!
Altro prodotto usato in estate, altra recensione. Dopo aver utilizzato il balsamo al karité di Equilibra, vi avevo anticipato di aver acquistato la maschera della stessa linea e di volerla utilizzare nel corso dei mesi estivi. Non l'ho ancora terminata, ma ho le idee abbastanza chiare e sono pronta a parlarvene.


La maschera al karité di Equilibra è contenuta in un barattolo cilindrico in plastica, con tappo a vite e tappo salva - freschezza, che apprezzo sempre in prodotti di questa tipologia. Preferisco sinceramente i classici tubi, sicuramente più pratici da utilizzare in doccia. 

Contenendo burro di karité, questa maschera è indicata soprattutto per capelli secchi, che intende nutrire con dolcezza, proteggendo il fusto e il cuoio capelluto. I condizionanti di origine vegetale presenti in formula, districano delicatamente i capelli senza seccarli, lasciandoli morbidi e luminosi. L'azienda consiglia di lasciare agire il prodotto sui capelli bagnati per circa 5 minuti, poi risciacquare abbondantemente. Non si tratta di un prodotto certificato. 

PAO: 6 mesi
QUANTITA': 200 ml
REPERIBILITA': Ovs, supermercati, Acqua e Sapone
PREZZO: circa 4 euro

Ingredienti


La consistenza di questa maschera è corposa, ma non eccessivamente tale come altri burri/maschere che ho provato in passato. Anche la profumazione è classica e non presenta nulla di nuovo: il burro di karité è l'unica componente che si avverte, quasi con prepotenza e che io amo fino ad un certo punto per il periodo estivo, perché con il caldo tende ad amplificarsi e a nausearmi un po'. 


Come ogni altra maschera o balsamo che acquisto, anche di questo prodotto io faccio un doppio utilizzo: come classico balsamo durante lo shampoo e come impacco pre-shampoo, il più delle volte arricchito con oli. Come balsamo, lo applico dopo lo shampoo e lo lascio agire per circa 5-10 minuti al massimo, risciacquando con attenzione ed aiutandomi con un pettine per distribuirlo bene. Ne va applicato pochissimo, perché altrimenti fatica a rimuoversi e lascia i capelli unti e sporchi. Mi è capitato, andando di fretta, di esagerare con le dosi e ritrovarmi poi a dover rilavare i capelli, per cui fate attenzione! Come maschera, lo tengo in posa almeno mezza giornata e quando posso, anche di più, spesso con l'olio di argan che sto usando prima dell'asciugatura dei capelli. 

Posso dirvi di aver preferito il balsamo della stessa linea, sia perché non mi ha dato l'inconveniente che vi descrivevo prima, sia perché a conti fatti mi ha dato maggiore soddisfazione. La maschera lascia i capelli morbidi e districati, ma non abbastanza per quanto mi riguarda: qualche nodo lo trovo sempre e a volte i capelli non sono poi così disciplinati come dovrebbero, soprattutto nelle giornate in cui vi è maggiore umidità nell'aria. Non so ancora dirvi se lo riacquisterò, penso di continuare ad utilizzarlo solo come impacco pre-shampoo, data la sua corposità e di decidere al termine dell'utilizzo. 

5 commenti:

  1. Certi prodotti vanno dosati con la bilancina. Sbagli un attimo e ti ritrovi unta. Sarà anche per questo che li utilizzo di rado. Ho i capelli poco voluminosi e devo stare più attenta di molte altre persone. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Devo dire che a me capita più con gli shampoo che con balsami e maschere, però ogni tanto succede. Basta stare più attenti e in genere il problema si risolve..

      Elimina
  2. Ciao! Mi sono appena iscritta al tuo blog :) che peccato che sia un nì, sembrava un prodotto davvero valido. Magari centellinandola... ma a questo punto proverò il balsamo. Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Sì, va assolutamente centellinata, altrimenti risulta davvero pesante. Con il balsamo invece nessun problema!

      Elimina
  3. Marianna D19:48

    Ciao! Penso che sia abbastanza normale che tu abbia trovato migliore il balsamo in funzione di districante...proprio perché è quella la sua funzione, mentre la funzione della maschera non è di districare ma di nutrire :)

    RispondiElimina