novembre 15, 2017

,

Recensione - Bio Phytorelax Sebum aloe vera gel detergente purificante viso

Se c'è un prodotto che cambio con l'arrivo del freddo, nella mia skin care routine, è proprio il detergente viso. Di solito prediligo le formulazioni in gel, più sgrassanti, in estate e in autunno-inverno passo a prodotti più cremosi e delicati. Vi starete allora chiedendo perché oggi vi parlo di un gel detergente: ebbene, ero così curiosa di provarlo che non ho resistito! Il gel detergente purificante della linea Sebum aloe vera di Bio Phytorelax è l'ennesimo prodotto di questa linea che mi piace, come la crema viso di cui vi ho parlato di recente.


Il flacone è semplice e pratico: plastica bianca rigida con erogatore a dosatore e sistema che blocca la fuoriuscita indesiderata di prodotto quando non ci serve. Non è il massimo da portare in viaggio, perché la confezione è abbastanza ingombrante, ma sicuramente la riciclerò per travasare altri detergenti da usare in casa o per il sapone per le mani. E' venduto all'interno di una confezione di cartone che purtroppo ho gettato via. 

Il gel detergente di cui vi parlo ha un ph acido, un'azione purificante e riequilibrante. E' certificato ICEA e Vegan Ok e come tutta la linea Sebum aloe vera, è dedicato alle pelli miste, impure, grasse. 

PAO: 12 mesi
QUANTITA': 200 ml
REPERIBILITA': Ovs
PREZZO: circa 5-6 euro

Ingredienti

Aqua/Water/Eau, Aloe barbadensis leaf juice,

Sodium coco-sulfate, Cocamidopropyl betaine, Glycerin, Decyl
glucoside, Polyglyceryl-3 cocoate, Polyglyceryl-4 caprate,
Polyglyceryl-6 caprylate, Polyglyceryl-6 ricinoleate, Salix alba
(Willow) bark extract, Mentha arvensis (Wild mint) leaf oil,
Melaleuca viridiflora leaf oil, Cananga odorata flower oil, Melaleuca
alternifolia (Tea Tree) leaf oil, Sodium chloride, Sodium levulinate,
Lactic acid, Potassium sorbate, Parfum [Fragrance], Sodium
phytate, Limonene, Citric acid, Sodium benzoate, Citronellol,
Linalool.



Nulla di particolare da riferirvi sulla formulazione di questo prodotto, essendo un classico e comunissimo gel detergente trasparente, dalla consistenza liquida, ma non eccessivamente tale da scorrere via dal viso senza permettere un adeguato massaggio. La profumazione ha una componente fresca data dalla presenza di menta, aloe, tea tree oil ed un'altra floreale-erbacea, che però non so attribuire ad un ingrediente specifico. 

Sicuramente è un detergente più indicato per il periodo estivo, perché avendo una funzione spiccatamente purificante, lascia il viso fresco e asciutto, dando la sensazione quasi di pelle che tira, anche se al tatto e alla vista essa non risulta secca. Personalmente non mi dispiace, proprio perché sento il viso perfettamente pulito. Tra l'altro fa schiuma, abbastanza per essere utilizzato in tranquillità. Mi sono resa conto però, proprio per quello che vi dicevo all'inizio circa i cambiamenti climatici e gli effetti che hanno sulla mia pelle, che in questo periodo dell'anno non posso utilizzare formulazioni in gel quotidianamente, altrimenti otterrei solo il risultato di una pelle più secca in alcune zone già esposte a questo rischio. Per cui, ho deciso di alternare il detergente di Phytorelax ad altro: che sia il latte detergente nelle giornate in cui la mia pelle ha bisogno di prodotti più delicati, che sia un sapone cremoso. Ah, prima di dimenticarmelo, un piccolo appunto devo farlo sulla funzione struccante di questo prodotto, perché i detergenti viso li metto sempre alla prova anche da questo punto di vista: il potere struccante del detergente Phytorelax non mi fa impazzire, perché non riesce ad asportare da solo tutto il trucco dal viso. Piuttosto, è buono come ultimo step per togliere via i residui.

In conclusione, il gel detergente di Phytorelax mi piace e ve lo consiglio se avete una pelle mista o grassa, per il periodo estivo. Non lo consiglio alle pelli secche o particolarmente delicate, perché potrebbe risultare poco delicato. 



2 commenti:

  1. Non è adatto per la mia tipologia di pelle ma sono felice che questa linea sembri proprio ben riuscita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire ancora a reperirla perché purtroppo qui la distribuzione lascia spesso a desiderare!

      Elimina