marzo 26, 2018

,

Hair care routine del periodo: conferme, delusioni e scoperte [ inverno - primavera 2018]

Nell'ultimo articolo vi ho mostrato la mia attuale skin care routine: oggi è, invece, il turno della cura dei capelli, per cui vi parlerò velocemente di tutto quello che sto utilizzando e vi darò qualche prima impressione su un paio di prodotti che sto ancora studiando. 

Prima di iniziare, ricordo, soprattutto a chi mi legge per la prima volta, che ho una cute grassa e lunghezze secche. I miei capelli sono crespi e tendono facilmente ad elettrizzarsi, sono leggermente mossi e non trattati. Soffro di una leggera forfora solo nei periodi del cambio stagionale e li taglio regolarmente 2-3 volte l'anno. Da diversi anni, ormai, utilizzo quasi esclusivamente prodotti biologici o, se non certificati, almeno con buoni ingredienti. Ogni tanto, se mi va, provo qualcosa di più "commerciale", ma alcuni ingredienti come i principali siliconi e parabeni, li ho totalmente abbandonati. Non è stata una scelta "ponderata": i prodotti classici da supermercato non li tolleravo più, la mia cute era sempre irritata, con prurito e forfora, così da un giorno all'altro ho cambiato totalmente la mia routine e devo dire di esserne abbastanza soddisfatta.


Partiamo, chiaramente, dallo shampoo. Ho preso l'abitudine di alternare uno shampoo per capelli grassi ed uno delicato per lavaggi frequenti. Diluisco quasi sempre lo shampoo e ne faccio uno solo alla volta se ho i capelli mediamente sporchi, due se ho fatto un impacco e ho bisogno di eliminarne per bene i residui. I due shampoo che sto utilizzando in questo periodo sono entrambi del brand Ph Bio, venduto da Lidl: shampoo al timo per capelli grassi e con forfora e shampoo al miglio e avena per lavaggi frequenti. Ne ho parlato di recente, per cui qui mi limito semplicemente a dire che non mi piacciono, perché entrambi non mi garantiscono una cute pulita a lungo. Nell'immediato lavano perfettamente la cute e i miei capelli sono leggeri e puliti il giorno successivo allo shampoo, mentre dal secondo giorno in poi sono già abbastanza unti sulla cute e al terzo giorno devo rilavarli per forza. Li sto utilizzando perché mi sono imposta di terminarli, e perché andando in palestra e sudando molto, in ogni caso ogni 2, massimo 3 giorni devo lavare i capelli, ma non li riacquisterò.



Per quanto riguarda i prodotti condizionanti, è mia abitudine, dopo ogni shampoo, applicare un balsamo o una maschera solo sulle lunghezze, pettinare i capelli per distribuire bene il prodotto, massaggiarlo sulle punte con le dita, lasciarlo agire per qualche minuto e risciacquare bene. Al momento sto alternando due prodotti: uno è in dirittura d'arrivo ed è la maschera alla macadamia di Omia laboratoires, l'altro è la maschera ai semi di moringa di Ekos. La maschera alla macadamia di Omia laboratoires è un mio must have, ormai da anni: non solo ha una profumazione persistente, ma districa perfettamente i capelli, li lascia morbidi e mi aiuta a domare il crespo. E' uno di quei prodotti che non manca mai in casa, lo termino e lo riacquisto sempre, è un porto sicuro del quale non riesco a fare a meno. Ha anche un leggero effetto luminoso e ravvivante sul colore dei capelli. La maschera ai semi di moringa di Ekos, al contrario, è un prodotto più corposo, che va dosato con attenzione, altrimenti lascia i capelli appiccicosi. E' un "ni" per me, nel senso che non è né pessimo, né ottimo. Nonostante lasci i capelli più morbidi e districati rispetto a quando non lo uso, la maschera di Omia o il balsamo all'aloe di Ekos sono nettamente migliori per l'effetto che hanno sui miei capelli, di conseguenza non è un prodotto che mi ha fatta innamorare e potrei farne tranquillamente a meno.


La maschera con semi di moringa di Ekos è il prodotto che sto utilizzando come base per i miei impacchi pre-shampoo. Ogni settimana, quando riesco, oppure almeno due volte al mese, preparo un impacco con i prodotti che ho in casa: come base metto sempre un balsamo o una maschera, a cui aggiungo uno o più oli. Tengo in posa il più possibile: minimo 1 ora, massimo anche tutto il giorno. Trovo che gli impacchi pre-shampoo facciano davvero la differenza su capelli stressati, secchi, che hanno bisogno di una sferzata di energia: anche se, per me, al primo posto tra i rimedi d'urto vi è senza dubbio il taglio regolare e frequente dei capelli. La maschera di Ekos non mi piace molto come impacco, perché trovo che non mi dia chissà quali benefici, ma devo comunque smaltirla e quindi continuerò a usarla fino alla fine.



Veniamo adesso ai prodotti che uso a capelli bagnati, prima di asciugarli. Dopo aver lavato i capelli, non procedo subito all'asciugatura, ma li lascio avvolti in un bel turbante per una mezz'oretta. Poi, applico uno tra questi tre prodotti: olio di argan di Omia laboratoires, cristalli liquidi di Vitalcare Natural bio o balsamo leave in protettivo con macadamia e mandorla di Delidea bio. Negli anni ho provato tutti gli oli spray per capelli di Omia laboratoires e quello all'argan, insieme a quello alla macadamia, è l'olio che mi è piaciuto di più per l'effetto sui miei capelli. Ne spruzzo due zic sulla mano, riscaldo il prodotto tra i palmi e poi lo applico sulle lunghezze, concentrandomi soprattutto su alcune zone dove i miei capelli tendono ad essere più crespi, poi pettino e procedo all'asciugatura. L'olio di argan mi piace molto perché ha un visibile effetto lisciante e disciplinante su di me, mi aiuta contro il crespo e fa sì che i capelli tendano a "sparare" a destra e sinistra meno del solito. Questo di Omia non ha un odore particolarmente presente e non unge, se si trova la giusta dose per le proprie necessità. Fa la differenza se utilizzato nell'impacco pre-shampoo.

Del balsamo leave in protettivo con macadamia e mandorla di Delidea bio posso darvi solo delle impressioni generali, nonostante lo stia usando da diverse settimane, perché non riesco ancora a capirlo. E' un prodotto bifasico, costituito da una parte acquosa e una oleosa, pertanto va agitato prima dell'uso. Al solito, io ne spruzzo due zic sulle mani e dopo aver riscaldato il prodotto, lo applico dove mi interessa. Non mi sta convincendo perché non sto notando chissà quali benefici: non sento i capelli più morbidi, non li vedo meno crespi e più in ordine. Applicarlo o meno non fa tanta differenza. Voglio utilizzarlo ancora un po' prima di parlarvene nel dettaglio, ma per il momento non ci siamo presi :(

Impressioni ancor più generali quelle che posso darvi sui cristalli liquidi di Vitalcare Natural bio, avendoli acquistati di recente. Li ho usati 3-4 volte, con lo stesso procedimento che vi ho descritto a proposito dei due prodotti precedenti. Mi stanno piacendo: i capelli sono morbidissimi, perfettamente districati, il crespo è tenuto abbastanza a bada. Ci sono le premesse per una grande storia d'amore: vedremo come si comporterà nel tempo e se mi aiuterà anche a tenere a bada le odiatissime doppie punte. 

6 commenti:

  1. Molto interessanti i cristalli liquidi di Vitalcare, io non li avevo presi perché avevo paura che ingrassassero o che fossero inutili. Ci farò un pensiero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ingrassano, almeno su di me, se ne applico troppi, ma come qualsiasi olio o prodotto simile.

      Elimina
  2. la maschera omnia è buonissima!!

    https://stefaniainwondeland.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, spero non la tolgano mai dal commercio!

      Elimina
  3. Mi piacerebbe tornare a fare impacchi pre-shampoo ma fondamentalmente non ci riesco mai. Tu invece sei sempre molto costante, brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà perché ogni tanto ho bisogno di queste coccole, che hanno un effetto rilassante anche sulla mia psiche :)

      Elimina